Verifiche solai

Il software Jasp, a partire dalla versione 4.3, effettua il calcolo, il progetto e la verifica dei solai.
software calcolo solai jasp
Il questa pagina sono descritte le verifiche effettuate per i solai.

All’avvio della visualizzazione delle verifiche Jasp mostra le seguenti tabelle.

Nella tabella Sollecitazioni sono riportate le sollecitazioni minima e massima per le varie famiglie di combinazione.

Per la famiglia quasi permanente e per il calcolo dell’eventuale sforzo normale il carico accidentale è considerato presente contemporaneamente su tutte le campate.

Negli altri casi (calcolo dei momenti e dei tagli massimi e minimi per le famiglie fondamentale, rara e frequente) i carichi accidentali sulle varie campate sono tenuti in considerazione solo se il loro contributo è a vantaggio di sicurezza.

Nella tabella Geometria sezione sono riportati i dati geometrici della sezione. Per le armature il programma considera presenti al massimo tre strati: Lo strato superiore del travetto, l’eventuale armatura aggiuntiva al traliccio, l’armatura inferiore del traliccio. Viene trascurato il filante superiore dell’eventuale traliccio.

I dati del calcestruzzo riportati nella tabella precedente si riferiscono alla sezione in figura (solaio predalle):

I monconi ed i finanti inferiori dei tralicci sono considerati presenti anche nella sona di ancoraggio, ma l’area di calcolo è proporzionale alla distanza tra la sezione di calcolo e l’estremità dell’armatura [1][2].

Ovvero:

Asc = As·min(1, x/la)

dove:
Asc = area armatura di calcolo
As = area complessiva dell’armatura.
x = distanza tra la sezione in esame e l’estremità dell’armatura,
la = lunghezza di ancoraggio.

La traslazione dei diagrammi dei momenti è tenuta in conto allungando fuori calcolo d’armatura dei monconi di una lunghezza pari all’altezza utile d (EC2 §6.2.2(1))

Verifiche

Tutte le verifiche sono fatte a pressoflessione retta.

Il taglio resistente Vrd è calcolato come indicato al §4.1.2.1.3.1.

La verifica V Traz.Fe tiene conto della prescrizione contenuta nell’ultimo capoverso della §4.1.2.1.3.1. : “In particolare, in corrispondenza degli appoggi le armature longitudinali devono assorbile uno sforzo pari al taglio sull’appoggio”. Tale prescrizione è verificata, a vantaggio di sicurezza, per tutte le sezioni.

Per maggiori dettagli vedere il paragrafo verifiche Stato Limite Ultimo


Per maggiori dettagli vedere il paragrafo verifiche Stato Limite delle tensioni di esercizio

Per maggiori dettagli vedere il paragrafo verifiche Stato Limite di fessurazione

Per maggiori dettagli vedere il paragrafo verifiche Stato Limite di deformazione

Nella tabella Verifiche Geometriche sono riportate le verifiche previste al§4.1.9.3 NTC08 ,§C4.1.9.1.2 CNTC08 e §4.1.6.1.1 NTC08.

I coefficienti riportati in tabella hanno il seguente significato:

  • kv4cm/s "Qualora il componente venga integrato da un getto di completamento all’estradosso, questo deve avere uno spessore non inferiore a 40 mm ". §4.1.9.3 NTC08. Questa verifica che le NTC08 prevedono per i solai con componenti prefabbricati è estesa anche ai solai gettati in opera.
  • kvB/(8b) "la larghezza delle nervature deve essere non minore di 1/8 ". §C4.1.9.1.2 CNTC08
  • kv8cm/b "la larghezza delle nervature deve essere non inferiore a 80mm ". §C4.1.9.1.2 CNTC08
  • kvb/(15s)"l’interasse delle nervature deve essere non maggiore di 15 volte lo spessore della soletta". §C4.1.9.1.2 CNTC08
  • kvb/(B-b)/52cm "la dimensione massima del blocco di laterizio non deve essere maggiore di 520 mm". §C4.1.9.1.2 CNTC08
  • kvAs min inf Verifica prevista dalla formula (4.1.43) §4.1.6.1.1 NTC08 applicata al lato inferiore. Tale verifica non viene effettuata se il lato in inferiore è compresso.
  • kvAs min sup Verifica prevista dalla formula (4.1.43) §4.1.6.1.1 NTC08 applicata al lato superiore. Tale verifica non viene effettuata se il lato in superiore è compresso.

Verifica del traliccio durante la posa in opera ed immediatamente dopo il getto del calcestruzzo. Per la verifica durante la posa il traliccio va preso in esame come un sistema reticolare ad aste sottili[3][4][5].
Nella pagina [6] è riportata una dettagliata descrizione del procedimento di verifica.


[1] AICAP, AA.VV. Progettazione sismica di un edificio in c.a. 2008, Figura (4.5)-13 pag 260, Ed. AICAP Pubblicemento
[2] Angotti, Guiglia, Marro, Orlando Progetto delle struttura in c.a. 2011, Figura 12.44 pag 737, Hoepli
[3] G. Ciscato -A. Mammino. Un solaio chiamato predalle. 1987, §3.4 pag 170, ALINEA
[4] V. Bacco. Il manuale dei solai in laterizio. 2010, §4.1.1 pag 171, ANDIL
[5] M.Sanginisi. Solai in cemento armato. 2011, §2.14 pag 53, Dario Flaccovio Ed.
[6] http://www.ingegnerianet.it/esempi/posa_traliccio.php