Manuale utente Jasp® 6.5

Jasp® 6.5 è un software per l’analisi, il progetto e la verifica di edifici in cemento armato secondo il DM 17/1/2018 (nel seguito indicato con NTC, Norme Tecniche Costruzioni) e relativa circolare.

Jasp, come ogni software analogo, è destinato a utenti che abbiano buone conoscenze di progettazione e modellazione strutturale e, nel caso di utilizzo di elementi finiti bidimensionali, l’utilizzatore di Jasp deve conoscere le problematiche di tale metodo. La mancanza di specifiche competenze da parte dell’utilizzatore del programma potrebbe portare a una modellazione errata e a risultati privi di senso. È, pertanto, richiesta l’assunzione di responsabilità in merito ai risultati suddetti da parte del tecnico che resta l’unico responsabile legale dei risultati e degli elaborati sottoscritti.

All'avvio di Jasp compare la seguente schermata:

L'interfaccia è volutamente essenziale perché Jasp è un software di analisi tecnico-scientifico.

I menù che appaiono nella parte superiore sono:

  • File: Apertura e salvataggio dei progetti.
  • Archivio: Gestione archivi: carichi, tipi di azioni, sezioni, materiali e criteri di progetto.
  • Struttura: Immissione della struttura (fili fissi, pilastri, travi, pareti, piastre, plinti, vincoli nei nodi).
  • Carichi: Immissione dei carichi.
  • 3D: Visualizzazione della struttura in 3D.
  • Calcolo: Avvio del calcolo.
  • Esecutivi: Manipolazione e verifica esecutivi di travate, pilastri, piastre, plinti e solai.
  • Risultati: Visualizzazione numerica, grafica 3D dei risultati.
  • Relazioni: Stampa della relazioni di calcolo e del computo.
  • ?: Informazioni sul software.

In questo manuale sono descritti i menù principali, i relativi comandi ed i sottomenù.

Inoltre è riportata in modo dettagliato la descrizione verifiche effettuate dal programma, di seguito elencate:

Riferimenti legislativi

L’analisi della struttura e le verifiche sugli elementi sono condotte in accordo alle vigenti disposizioni legislative ed in particolare alle seguenti norme:

  • Legge 05/11/1971, n.1086, “Norme per la disciplina delle opere di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso ed a struttura metallica”.
  • Legge 02/02/74, n.64, “Provvedimenti per le costruzioni con particolari prescrizioni per le zone sismiche”.
  • Decreto Ministeriale del 17/01/2018, “Norme tecniche per le costruzioni” (di seguito NTC18).
  • Circolare Ministeriale n°7 C.S.LL.PP del 21/1/2019 “Istruzioni per l’applicazione dell’«Aggiornamento delle “Norme tecniche per le Costruzioni”» di cui al DM 17/1/2018 (di seguito CNTC18)
  • D.M. 65 del 07/03/2017, “Linee guida per la classificazione del rischio sismico delle costruzioni”

Inoltre si sono tenute presenti le seguenti referenze tecniche:

  • Eurocodice 2: “Progettazione delle strutture di calcestruzzo” Norma UNI EN 1992 (di seguito EC2)
  • Eurocodice 7: “Progettazione geotecnica” Norma UNI EN 1997 (di seguito EC7)
  • Eurocodice 8: “Progettazione delle strutture per la resistenza sismica” . Norma UNI EN 1998 (di seguito EC8).